LIFE MICROFIGHTER

Zeo-Biopesticidi innovativi, a base di microrganismi utili, per eliminare l’uso di pesticidi a base di rame

ABSTRACT
Attualmente, l’uso massiccio di composti di rame nell’agricoltura biologica non è più una pratica sostenibile, poiché il rame tende ad accumularsi nell’ambiente e nei terreni. Anche se l’UE sta limitando l’uso di pesticidi a base di rame questi prodotti sono ancora ampiamente utilizzati in molti paesi perché non esistono altre alternative con un’efficacia comparabile.
È in questo contesto che nasce il progetto LIFE MICROFIGHTER che mira a dimostrare in campo l’efficacia di un nuovo prodotto Zeo-Biopesticida naturale ed ecologicamente sostenibile e metterlo in pratica per ridurre/sostituire l’uso dei pesticidi a base di rame per la difesa contro i patogeni rilevanti (peronospora, picchiettatura, maculatura batterica, rogna dell’olivo e occhio di pavone) nella coltivazione biologica di vite, pomodoro e olivo in Italia, Spagna e Croazia.

OBIETTIVI PRINCIPALI

  1. Dimostrare l’efficacia di un nuovo Zeo-Biopesticida naturale ed ecosostenibile, composto da zeoliti K-chabasite naturali italiani e uno specifico mBCA (Pseudomonas sp. DLS65), in alternativa ai prodotti a base di rame per il controllo delle malattie più minacciose della vite, pomodoro e olivo (peronospora, picchiettatura, maculatura batterica, rogna dell’olivo e occhio di pavone) in aziende agricole biologiche in Italia, Croazia e Spagna;
  2. Ridurre l’apporto di rame nei suoli agricoli da una media di 4 kg/ha/anno a una media di 2 kg/ha/anno senza intaccare le rese e la qualità degli alimenti; sarà anche testata e valutata la totale sostituzione del rame con il nuovo Zeo-Biopesticida, nell’ottica di un bando degli agrofarmaci a base di Cu;
  3. Dimostrare che la coltivazione con il nuovo Zeo-Biopesticida ridurrà la quantità di rame accumulata nel terriccio di almeno 0,7 ppm ogni anno di coltivazione sperimentale e aumenterà la biodiversità del suolo;
  4. Promuovere, incoraggiare e sostenere l’uso dell’innovativo Zeo-Biopesticida e delle strategie colturali sperimentate nel progetto come alternative al rame per la coltivazione di uva, pomodoro e olivo, grazie ad una diffusione capillare dei risultati a tutti gli stakeholder più rilevanti, in particolare gli agricoltori e ai decisori politici. Saranno informati dei rischi e dei problemi ambientali legati ai pesticidi al rame, considerando il nuovo Zeo-Biopesticida come alternativa fattibile che porta ad un minore impatto ambientale e ad una migliore efficienza nel controllo dei parassiti;
  5. Eseguire, grazie a prove in campo, campagne di monitoraggio e tutti i dati raccolti durante gli anni di coltivazione dimostrativa, sia l’LCA del prodotto innovativo e delle relative pratiche colturali che un accurato business plan, al fine di poter produrre e commercializzare il nuovo Zeo -Biopesticida entro un massimo di 5 anni dalla fine del progetto;

OBIETTIVI SPECIFICI

  1. In tutte le aree del progetto (9 ettari per 9 aziende agricole in Italia, Croazia e Spagna) l’apporto totale di rame sarà ridotto da 4 kg/ha/anno a 2,33 kg/ha/anno. Invece di 72 kg, verranno applicati solo 42 kg, risparmiando così circa 30 kg di pesticidi al rame, pari a circa il 41,7%.
  2. In tutte le 9 aree di progetto (Italia, Croazia e Spagna) si dimostrerà che la tesi senza aggiunta di rame (Cu0 e ZBp100) mostrerà una diminuzione dell’accumulo di rame nello strato di terriccio (primi 30 cm), pari almeno a 0,7 ppm/anno (totale di 1,4 ppm durante i 2 anni del progetto) rispetto alla tesi con utilizzo di rame al 100% (Cu100).
  3. – In tutte le 9 aree di progetto (Italia, Croazia e Spagna) si dimostrerà che la tesi con aggiunta di rame al 50% (Cu50_ZBp50) mostrerà una diminuzione dell’accumulo di rame nello strato di terriccio (primi 30 cm), pari almeno a 0,35 ppm/anno (totale di 0,7 ppm durante i 2 anni del progetto) rispetto alla tesi con utilizzo di rame al 100% (Cu100).
  4. Le malattie (peronospora, picchiettatura, maculatura batterica, rogna dell’olivo e occhio di pavone) saranno controllate con il trattamento innovativo e sostenibile a base di rame al 50% e ZBp al 50% (Cu50_ZBp50) per dimostrare che ha almeno la stessa efficacia che si ottiene utilizzando il trattamento a base di rame al 100% (Cu100). L’efficacia sarà valutata utilizzando il seguente standard: peronospora della vite EPPO PP 1/21(3); picchiettatura del pomodoro EPPO PP 1/273 (1); rogna dell’olivo EPPO PP1/318(1) e/o CEB Standard MÉTHODE N° 252.
  5. La biodiversità microbica del suolo sarà ripristinata mediante la riduzione dell’uso di rame e l’applicazione dello Zeo-Biopesticida. L’obiettivo è valutare un aumento significativo della biodiversità microbica del suolo dopo 2 anni di applicazione delle strategie LIFE MICROFIGHTER nei test dimostrativi almeno in tutti i trattamenti senza aggiunta di rame (ZBp100). Un significativo aumento della biodiversità microbica del suolo è previsto anche per il trattamento a basso apporto di rame (riduzione del 50%: Cu50_ZBp50).
  6. La commerciabilità e le caratteristiche gustative dei prodotti alimentari (olio d’oliva, pomodoro da tavola, salsa di pomodoro e vino) saranno garantite dall’applicazione della strategia Zeo-Biopesticida in sostituzione del rame: l’obiettivo è di non rilevare differenze significative di questi parametri tra le pratiche convenzionali a base di rame (trattamento Cu100), la tesi senza aggiunta di rame (ZBp100) e la tesi con riduzione del 50% di rame (Cu50_ZBp50).

RISULTATI ATTESI

  • Un rapporto sulle caratteristiche ambientali e sui trattamenti antiparassitari adottati sui campi sperimentali coinvolti nel progetto.
  • Rapporti sull’efficacia della nuova strategia Zeo-Biopesticida nella prevenzione dei patogeni rilevanti della vite, del pomodoro e dell’olivo in Italia, Spagna e Croazia.
  •  Un Life-Cycle Assessment (LCA) report sull’impatto ambientale del nuovo prodotto Zeo-Biopesticida.
  • Un rapporto sull’impatto socio-economico del progetto.
  • Un rapporto sul progetto tramite la piattaforma LIFE KPI webtool.
  • 6 workshop in Italia, Spagna e Croazia per dimostrare e disseminare le pratiche agricole sviluppate ai decisori politici e a esperti del settore agricolo.
  • 6 corsi di formazione in Italia, Spagna e Croazia per formare i coltivatori su come applicare il nuovo prodotto LIFE MICROFIGHTER.
  • Una strategia “After-LIFE Plan” per continuare le attività progettuali e valorizzare i risultati anche dopo il periodo di finanziamento.
  • Un Business Plan sulla commercializzazione del nuovo prodotto Zeo-Biopesticida.
  • Layman’s Report sui principali risultati del progetto.
  • Un video per presentare le attività e i risultati del progetto usando un linguaggio semplice e diretto.
  • Un’ampia diffusione dei risultati sarà effettuata durante l’intero progetto al fine di diffondere ampiamente e trasferire i risultati ottenuti.

PROGETTO N°101074218 — LIFE21-ENV-IT-LIFE MICROFIGHTER

DURATA: 42 mesi

COORDINATORE

Costantino Raspi (europa@coeso.org) | Consorzio CO&SO Firenze

PARTNER

•  ASTRA NNOVAZIONE E SVILUPPO SRL AGENZIA PER LA SPERIMENTAZIONE TECNOLOGICA E LA RICERCA AGROAMBIENTALE SRL (Astra)

•  CONSORZIO AGRARIO DI RAVENNA SOC.COOP. A R.L. (CAR)

•  FEDERACION DE COOPERATIVAS AGROALIMENTARES DE LA COMUNIDAD VALENCIANA (CACV)

•  CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE (CNR)

•  UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA (Unife)

•  UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA (UNIMORE)

•  SYMBIAGRO SRL (SYMBIAGRO)

•  SVEUCILISTE U ZADRU (UNIZD) 

Per ulteriori informazioni, visita la pagina Facebook e scarica la brochure del progetto.

Funded by the European Union. Views and opinions expressed are however those of the author(s) only and do not necessarily reflect those of the European Union or CINEA. Neither the European Union or the granting authority can be held responsible for them.